Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia e Venereologia

Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia e Venereologia Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia e Venereologia Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia e Venereologia

Maggio è il mese della prevenzione del melanoma

Credits, American Academy of Dermatology, AAD.

Che cos'è il melanoma?

E' un tumore maligno della pelle.

 

Origina dalla trasformazione maligna dei melanociti che sono cellule normalmente presenti nella nostra pelle col compito di produrre melanina. Il tipo di melanina che, geneticamente, viene prodotta comporta il diverso colore della pelle di ciascun individuo. inoltre, tutti noi, quando ci esponiamo al sole induciamo un aumento, più o meno marcato, della produzione della melanina stessa (abbronzatura).


Il melanoma, in circa il 30% dei casi si sviluppa da una degenerazione di nevi preesistenti,  mentre nel restante 70%  si sviluppa su cute sana, ex-novo .

Chi colpisce?

Può colpire tutti, sia uomini che donne.

 

Sono interessate soprattutto le età centrali della vita (40-50 anni) ma negli ultimi anni si sta osservando una riduzione dell'età media dei soggetti colpiti.

Inoltre, l'incidenza è in continuo aumento, soprattutto grazie alla diagnosi precoce.

In età pediatrica, invece, è molto raro.

Esiste una cura?

Sì.

 

Dipende dallo stadio del melanoma.

La prima cura, nella maggior parte dei casi, è la chirurgia che permette l'asportazione della lesione e la sua analisi al microscopio (esame istologico).


Poi, si eseguono indagini strumentali (esami radiologici ed ecografici) per definirne l'estensione (stadiazione) ed in base a quella si procede nella terapia che può essere:

-follow-up nel tempo (controlli dermatologici regolari nel tempo)

-immunoterapia (stimolazione specifica del sistema immunitario contro il tumore)

-terapia a bersaglio molecolare (o target, che colpisce recettori specifici presenti nel tumore)

-chemioterapia

-radioterapia 

-e molto altro, grazie ai continui progressi della ricerca scientifica nazionale ed internazionale. 

Come si previene?

Per prima cosa, occorre esporsi al sole correttamente.

Evitare le ore centrali della giornata, applicare la protezione solare adatta (SPF 50+) e rinnovarla almeno ogni 2 ore.


Quindi, è importante l'autoispezione periodica.

Guardarsi allo specchio o farsi guardare per notare se qualche nevo si modifica oppure se compaiono nuovi elementi.


Infine, è fondamentale il controllo regolare dei nevi presso il dermatologo di fiducia.

Il dermatologo, infatti, è dotato di una specifica lente (dermatoscopio) che consente di ingrandire i nevi per guardarli nella loro struttura.

Non solo; il dermatologo può aiutare il paziente a scegliere correttamente la protezione solare più indicata alle sue esigenze ed insegnargli come eseguire correttamente l'autoispezione.

La regola dell'ABCDE

Ama la tua pelle... e proteggila!

Scarica il PDF